Immagine-solare1Il sole è la più antica forma di enegia primaria, grazie ad esso si è sviluppata qualsiasi forma di vita sulla terra.
I problemi di inquinamento ambientale e il crescente prezzo dei combustibili fossili hanno maturato in quest’ultimi anni un interesse verso lo sfruttamento di enegie rinnovabili e in particolare l’enegia solare.
Esistono molti modi per catturare l’energia solare  e trasformala in calore e la scelta della tecnologia da utilizzare si basa sulla temperatura di utilizzo.
Al di sotto dei 100 °C l’applicazione più diffusa è il pannello solare, che assorbe la luce e la trasforma istantaneamente in calore.
Bluenergy utilizza le principali tecnologie impiantistiche: Circolazione naturale, circolazione forzata con l’utilizzo di pannelli solari vetrati e sottovuoto.



Sistemi a circolazione naturale per la produzione di acqua calda sanitaria
Sistemi-solari.naturale
Questi kit sono composti da bollitori a intercapedine di varie capacità che abbinati ai pannelli solari producono acqua calda sanitaria.
L’impianto si posiziona generalmente sopra il tetto e la trasmissione del calore avviene mediante un glicole propilenico che riscaldato attraverso i pannelli solari per convezione sale  nell’intercapedine del bollitore riscaldando di conseguenza l’acqua calda sanitaria.

Immagine-solare-naturale2
scheda-solare-circolazione-naturale

scheda solare circolazione naturale



Sistemi forzati per la produzione di acqua calda sanitaria

sistemi-solare-forzato-sanitarioQuesti kit sono abbinati a una stazione e una centralina solare che gestisce in maniera intelligente il calore solare. Il sistema a circolazione forzata offre maggiori rendimenti in termini di immagazzinamento dell’energia solare e ottimazzione della massima resa del pannello.

immagine-solare3 immagine-solare4
scheda-solare

scheda solare.pdf



Sistemi forzati per la produzione di acqua calda sanitaria e integrazione al riscaldamento
sistemi-forzati-per-sanitar-integrazione
Integrare l’acqua calda di riscaldamento, sfruttando il sole, è oggi la sfida più agguerrita.
Un impianto di questo tipo, spesso noto come “impianto combinato”, permette di produrre acqua calda sia per uso sanitario sia per il riscaldamento degli ambienti. Attraverso l’ulilizzo di pannelli solari, abbinati ad appositi bollitori, tank in tank o a stratificazione, si riesce ad ottimizzare la massima resa dei pannelli.
L’impianto di riscaldamento degli ambienti che meglio si sposa con il sistema solare termico è quello a pannelli radianti a pavimento. Il principale errore di progettazione nei sistemi di riscaldamento risiede appunto nel vasto uso dei radiatori (termosifoni) che richiedono, per il loro funzionamento, acqua molto calda.

Immagine-solare5 immagine-solare6
scheda-solare

scheda solare.pdf