ce1
L’attestato di certificazione energetica è un documento redatto da un tecnico abilitato che attesta la qualità di un edificio. Questo documento mette in evidenzia l’entità del fabbisogno di calore di un edificio, e  riguarda la classe di isolamento termico dell’edificio e la  qualità dell’impiantistica, così da prevederne i costi di gestione dal punto di vista del consumo di energia. Con l’aiuto di una tabella suddivisa in caselle colorate, dal verde (basso fabbisogno energetico) fino al rosso (alto fabbisogno), anche i non esperti del settore possono capire se un edificio consuma molta o poca energia.
Dal 1° luglio 2009  scatta l’obbligo di dotare dell’attestato di certificazione energetica tutti gli edifici o porzioni di edifici trasferiti a titolo oneroso, come previsto dall’articolo 6, comma 1-bis, lettera c) del Dlgs 192/2005. In pratica, il patentino dell’edificio, diventa indispensabile per comprare,  vendere o affittare qualsiasi immobile.
L’obbligo di dotare l’immobile di una certificazione è comunque previsto dalla normativa nazionale vigente. Pertanto, la violazione dell’obbligo di consegnare la certificazione, anche se non può invalidare l’atto di trasferimento, può essere fonte di responsabilità civile del venditore verso l’acquirente, quanto meno per la mancata informazione sull’inesistenza del documento. Trattandosi di un obbligo previsto da una disposizione legislativa, l’acquirente ha il diritto di sapere che non è stato rispettato e conseguentemente agire in sede di trattativa sul prezzo.

ce2 certificazione

Per alcuni edifici non è necessario redigere il documento come: gli edifici inagibili, gli edifici che ugualmente non comportano un consumo energetico (portici, legnaie, box, cantine, autorimesse, parcheggi multipiano, depositi,  ecc.)., gli edifici privi di qualsiasi impianto (per i quali non si può in alcun modo calcolare la prestazione energetica), i fabbricati isolati, con una superficie utile totale inferiore a 5 metri quadrati.

Gli attestati di certificazione hanno una validità temporale massima di dieci anni, anche se nel frattempo dovessero essere emanati provvedimenti di aggiornamento e devono essere allegati, in originale o in copia, i libretti di impianto o di centrale. L’attestato di certificazione energetica deve essere aggiornato ad ogni intervento di ristrutturazione, edilizio e impiantistico, che modifica la prestazione energetica dell’edificio. Per gli edifici residenziali la certificazione energetica riguarda il singolo appartamento. Per i condominii, si potrà prevedere, in generale, una certificazione originaria comune per appartamenti simili (piani intermedi), sia nel caso di impianti centralizzati che individuali.

Attraverso i nostri tecnici qualificati, la Bluenergy  rilascia gli attestati di certificazione energetica necessari alla compra vendita degli immobili fornendo, anche un servizio di consulenza al cliente, che lo aiuti nella scelta di quei materiali innovativi nel mercato per un risparmio energetico vincente.